Il Paese di Monica

11 febbraio 2017

Serata finale a Sanremo

Serata Finale al Festival



Ed è arrivata l'ultima serata del Festival della Canzone Italiana!


Per secondo anno consecutivo, sono riuscita a vedere l'evento che "apre il Festival", cioè, la sfilata dei cantanti in gara. Cosa dire? Dopo averlo visto per anni in TV mentre mi godevo questa festa della musica italiana seduta sul divano di casa a Buenos Aires insieme a mio padre e a mia madre, posso dire che è un sogno diventato realtà. Avere a meno di un metro di distanza quei cantanti di cui conosco i testi a memoria e per cui ero considerata "strana" poiché nessuno dei miei colleghi in ufficio conosceva chi fossero, mi fa venire la pelle d'oca. 
E se poi hai davanti il grande Al Bano. Un grande della musica italiana e  di Sanremo. Be', cosa dire?
Con i suoi brani cantati insieme a Romina Power sono cresciuta. Dobbiamo anche dire che gli italiani residenti all'estero sono i loro fan più appassionati. Tra questi fan c'era mio padre e ci sono mia mamma e mia zia.

Il Festival di Sanremo mi è sempre piaciuto. Essendo una fanatica della musica leggera non potevo che guardarlo e scoprire i nuovi cantanti della categoria Giovani e i pezzi che presentavano i Big. Tuttavia, dal 2013 vedere questa gara canora mi fa sentire vicino mio padre. L'ultimo festival che abbiamo visto insieme è stato quello del 2012 condotto dal grandissimo Gianni Morandi e che vinse Emma con "Non è l'inferno". L'ultima serata il super ospite fu Adriano Celentano. Una delle canzoni che interpretò fu "Ti penso e cambia il mondo". Una previsione? Chi lo sa? Quattro giorni dopo mio papà fu colpito da un infarto e il  mio mondo cambiò per sempre. Ma Sanremo rimarrà sempre un legame tra noi due. Io lo guardo e tramite questo post gli mando i miei commenti in cielo.

Secondo me

01 - Elodie - Tutta colpa mia. Si sente l'impronta di Emma nel brano. Energia e grande interpretazione.


02 - Michele Zarrillo - Mani nelle Mani. Una voce accattivante, un poema d'amore. Straordinaria. Vorrei tanto fosse sul podio ma non credo ce la farà.



03 - Sergio Sylvestre - Con te. Voce strepitosa. Brano scritto da Giorgia per il suo esordio nel Festival condotto dalla sua "amica" Maria. Orecchiabile.

04 - Fiorella Mannoia - Che sia benedetta. Favorita sin dalla prima serata. Un inno alla vita. Esperienza, tempismo, professionalità.  

05 - Fabrizio Moro - Portami via. Un cantautore da paura. Il colore della sua voce ha quell' X factor che fa venire i brividi. Bravo, bravo, bravissimo.


06 - Alessio Bernabei - Nel mezzo di un applauso. Testo scritto nuovamente da Roberto Casalino. Freschezza, movimento. Punto.


07 - Marco Masini - Spostato di un secondo. Lui sa cosa presentare al Festival. Il suo marchio c'è sempre. Mi piace! Si ripeterà la vittoria del "L'uomo volante"?


08 - Paola Turci - Fatti bella per te. Grinta, suoni moderni e contagiosi. Ben accolta dal pubblico dell'Ariston. Va sul podio.



09 - Bianca Atzei - Ora esisti solo tu. Ieri si era commossa mentre cantava il testo scritto da Kekko dei Modà per lei. Era stata eliminata la prima serata ma tutto si è capovolto. Applausi, applausi.

10 - Francesco Gabbani - Occidentali's Karma. Gran bella performance. Balletto con tutorial incluso. La scimmia nuda e l'Ariston balla. Sarà un tormentone.


11 - Chiara - Nessun posto è casa mia. Un titolo forte per un brano che non è un granché. La cantante padovana riempie comunque il palcoscenico con la sua presenza ed eleganza.

12 - Clementino - Ragazzi fuori. Il rapper tenta per il secondo anno consecutivo. Dopo l'eliminazione di martedì, risorge dalla cenere come la fenice. Purtroppo Sanremo ancora non è pronta per far vincere questo stile di musica.  Forza Clementino!

13 - Ermal Meta - Vietato morire. L'anno scorso ci aveva sorpreso con le "Nuove Proposte". Non ha vinto. Ma quest'anno presenta un pezzo scritto da lui, una storia tragica dalle radici autobiografiche, pesante e coinvolgente. Pollice in su.

14 - Lodovica Comello - Il cielo non mi basta. Faccia da bambina, "voce strillosa", abiti colorati. Il brano? Niente di che. Passerà.

15 - Samuel - Vedrai. Lui è Subsonica. Rock elettronico torinese sul palco dell'Ariston. Il suo look mi fa ricordare a quello di Neffa. Bel pezzo e strepitosa performance.

16 - Michele Bravi - Il diario degli errori.
 Un'altra canzone da sentire alla radio. Stop.


Le mie previsioni...

Sul podio


Fabrizio Moro - Portami via.
Marco Masini - Spostato di un secondo.
Ermal Meta - Vietato morire
Fiorella Mannoia - Che sia benedetta

Ma mi sono anche piaciute:

Francesco Gabbani - Occidentali's Karma
Michele Zarrillo - Mani nelle Mani
Samuel - Vedrai
Bianca Atzei - Ora esisti solo tu.

Sono fuori competizione:

Al Bano Carrisi - Di Rose e di Spine.  Il più esperto è lui. La canzone ha delle sonorità di Sanremo. Forse del Festival di una volta. Inoltre, la sua voce non era al 100 %. Al Bano è sempre Al Bano ma questa volta, purtroppo, non è bastato.


Gigi D'Alessio - La prima stella. Il cantante napoletano propone un brano dedicato a sua madre, mancata quando lui aveva 18 anni. Pezzo impregnato del suo stile che però non entusiasma il pubblico.


Giusy Ferreri - Fa talmente male. Una canzone firmata da Roberto Casalino e la sua potenza vocale, un insieme vincente. Invece no. Anche se è stata ripescata dopo la prima eliminazione, non arriva in finale. Il brano nonostante suonerà in tutte le radio diventando un tormentone? Perché no.


Ron - L'ottava meraviglia. E' un esperto anche lui (ha vinto in 1996 con "Vorrei incontrarti fra cent'anni"). Un bel testo, adatto per la festa degli innamorati del prossimo 14 febbraio. Certi versi della canzone sono un po' scontati: la prima serata, senza conoscere il testo, azzeccavo le parole.  E' uscito le due volte in cui ci sono state le eliminazioni. Rientrare non gli è portato fortuna.


Nesli e Alice Paba - Do retta a te. Una canzone con un Nesli "strano". Cantato come a karaoke. Non mi è arrivato e a quanto pare nemmeno alla giuria e al pubblico di Sanremo.


Raige e Giulia Luzi - Togliamoci la voglia. Rap, pop. Ritmo. Nonostante tutte le partecipazioni che da ormai 10 anni ci provano al Festival, il rap ancora non si è affermato. Proprio per questo vengono lasciati fuori della gara nella prima eliminazione. Peccato.