Il Paese di Monica

13 febbraio 2017

Per tutti un'ora d'aria, di gloria...

L'intelligenza è démodé...
L'evoluzione inciampa... 
Quando la vita si distrae cadono gli uomini.



"Occidentali's Karma" è la canzone vincitrice del 67° Festival di Sanremo. E Francesco Gabbani fa doppietta: con "Amen" nella categoria "Nuove Proposte" l'anno scorso, e quest'anno tra i BIG. Anche Eros l'ha "quasi fatta" più di vent'anni fa: nella sezione "Voci nuove" con "Terra promessa" (1984) e due anni dopo con "Adesso tu" nei "BIG". 

Arrivato in finale con Fiorella Mannoia ed Ermal Meta (anche lui partecipante della categoria Nuove Proposte del Sanremo dell'anno scorso), ha incantato il palco dell'Ariston con il suo brano un po' stile "Elio e le Storie Tese" e con la sorpresa da lui annunciata prima del suo intervento: il ballo della scimmia.

Si sa che i favoriti raramente vincono il Festival. Quando un paio di anni fa lo fece il Volo a nessuno era piaciuto. La Mannoia già dalla prima esibizione (o possiamo dire anche prima) era la candidata. Ma il ritmo, la novità e l'attualità del testo di Gabbani "colpisce e affonda".

In tanti si sono lamentati dello scioglilingua di cui non si capisce un'acca, Francesco a "Sorrisi e Canzoni" ha spiegato che "il testo sembra un guazzabuglio di parole a caso, ma credo ci siano degli spunti per riflettere sul mondo di oggi. Si ironizza, in modo provocatorio, sul nostro goffo tentativo di scimmiottare le abitudini dell'Oriente per trovare la pace interiore: la verità è che nelle culture altrui saremo sempre turisti".

Ascoltando o leggendo il testo, ci si riconosce. Ci saranno quelli che guarderanno da un'altra parte e diranno che non ha niente a che vedere con loro, ma in fondo sappiamo che tutti sì tutti, siamo un po' scimmie. 

Il cantautore toscano è uno degli autori del "Le migliori", l'album di Mina e Celentano uscito l'anno scorso. "Il bambino col fucile" è stato scritto da lui per Celentano.



Sta nascendo un nuovo mito della Musica Italiana? Il tempo lo dirà.

Il testo di Occidentali's Karma

Essere o dover essere
Il dubbio amletico
Contemporaneo come l’uomo del neolitico.
Nella tua gabbia 2×3 mettiti comodo.
Intellettuali nei caffè
Internettologi
Soci onorari al gruppo dei selfisti anonimi.
L’intelligenza è démodé
Risposte facili
Dilemmi inutili.

AAA cercasi (cerca sì)
Storie dal gran finale
Sperasi (spera sì)
Comunque vada panta rei
And singing in the rain.

Lezioni di Nirvana
C’è il Buddha in fila indiana
Per tutti un’ora d’aria, di gloria.
La folla grida un mantra
L’evoluzione inciampa
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.
Occidentali’s Karma
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.

Piovono gocce di Chanel
Su corpi asettici
Mettiti in salvo dall’odore dei tuoi simili.
Tutti tuttologi col web
Coca dei popoli
Oppio dei poveri.

AAA cercasi (cerca sì)
Umanità virtuale
Sex appeal (sex appeal)
Comunque vada panta rei
And singing in the rain.

Lezioni di Nirvana
C’è il Buddha in fila indiana
Per tutti un’ora d’aria, di gloria.
La folla grida un mantra
L’evoluzione inciampa
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.
Occidentali’s Karma
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.

Quando la vita si distrae cadono gli uomini.
Occidentali’s Karma
Occidentali’s Karma
La scimmia si rialza.

Namasté Alé

Lezioni di Nirvana
C’è il Buddha in fila indiana
Per tutti un’ora d’aria, di gloria.
La folla grida un mantra
L’evoluzione inciampa
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.
Occidentali’s Karma
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma

11 febbraio 2017

Le tre canzoni finaliste di Sanremo...

Sono queste!

Qual è la vostra preferita?

Fiorella Mannoia - Che sia benedetta


Ermal Meta - Vietato morire




Francesco Gabbani - Occidentali's Karma 



Chi vincerà?

Serata finale a Sanremo

Serata Finale al Festival



Ed è arrivata l'ultima serata del Festival della Canzone Italiana!


Per secondo anno consecutivo, sono riuscita a vedere l'evento che "apre il Festival", cioè, la sfilata dei cantanti in gara. Cosa dire? Dopo averlo visto per anni in TV mentre mi godevo questa festa della musica italiana seduta sul divano di casa a Buenos Aires insieme a mio padre e a mia madre, posso dire che è un sogno diventato realtà. Avere a meno di un metro di distanza quei cantanti di cui conosco i testi a memoria e per cui ero considerata "strana" poiché nessuno dei miei colleghi in ufficio conosceva chi fossero, mi fa venire la pelle d'oca. 
E se poi hai davanti il grande Al Bano. Un grande della musica italiana e  di Sanremo. Be', cosa dire?
Con i suoi brani cantati insieme a Romina Power sono cresciuta. Dobbiamo anche dire che gli italiani residenti all'estero sono i loro fan più appassionati. Tra questi fan c'era mio padre e ci sono mia mamma e mia zia.

Il Festival di Sanremo mi è sempre piaciuto. Essendo una fanatica della musica leggera non potevo che guardarlo e scoprire i nuovi cantanti della categoria Giovani e i pezzi che presentavano i Big. Tuttavia, dal 2013 vedere questa gara canora mi fa sentire vicino mio padre. L'ultimo festival che abbiamo visto insieme è stato quello del 2012 condotto dal grandissimo Gianni Morandi e che vinse Emma con "Non è l'inferno". L'ultima serata il super ospite fu Adriano Celentano. Una delle canzoni che interpretò fu "Ti penso e cambia il mondo". Una previsione? Chi lo sa? Quattro giorni dopo mio papà fu colpito da un infarto e il  mio mondo cambiò per sempre. Ma Sanremo rimarrà sempre un legame tra noi due. Io lo guardo e tramite questo post gli mando i miei commenti in cielo.

Secondo me

01 - Elodie - Tutta colpa mia. Si sente l'impronta di Emma nel brano. Energia e grande interpretazione.


02 - Michele Zarrillo - Mani nelle Mani. Una voce accattivante, un poema d'amore. Straordinaria. Vorrei tanto fosse sul podio ma non credo ce la farà.



03 - Sergio Sylvestre - Con te. Voce strepitosa. Brano scritto da Giorgia per il suo esordio nel Festival condotto dalla sua "amica" Maria. Orecchiabile.

04 - Fiorella Mannoia - Che sia benedetta. Favorita sin dalla prima serata. Un inno alla vita. Esperienza, tempismo, professionalità.  

05 - Fabrizio Moro - Portami via. Un cantautore da paura. Il colore della sua voce ha quell' X factor che fa venire i brividi. Bravo, bravo, bravissimo.


06 - Alessio Bernabei - Nel mezzo di un applauso. Testo scritto nuovamente da Roberto Casalino. Freschezza, movimento. Punto.


07 - Marco Masini - Spostato di un secondo. Lui sa cosa presentare al Festival. Il suo marchio c'è sempre. Mi piace! Si ripeterà la vittoria del "L'uomo volante"?


08 - Paola Turci - Fatti bella per te. Grinta, suoni moderni e contagiosi. Ben accolta dal pubblico dell'Ariston. Va sul podio.



09 - Bianca Atzei - Ora esisti solo tu. Ieri si era commossa mentre cantava il testo scritto da Kekko dei Modà per lei. Era stata eliminata la prima serata ma tutto si è capovolto. Applausi, applausi.

10 - Francesco Gabbani - Occidentali's Karma. Gran bella performance. Balletto con tutorial incluso. La scimmia nuda e l'Ariston balla. Sarà un tormentone.


11 - Chiara - Nessun posto è casa mia. Un titolo forte per un brano che non è un granché. La cantante padovana riempie comunque il palcoscenico con la sua presenza ed eleganza.

12 - Clementino - Ragazzi fuori. Il rapper tenta per il secondo anno consecutivo. Dopo l'eliminazione di martedì, risorge dalla cenere come la fenice. Purtroppo Sanremo ancora non è pronta per far vincere questo stile di musica.  Forza Clementino!

13 - Ermal Meta - Vietato morire. L'anno scorso ci aveva sorpreso con le "Nuove Proposte". Non ha vinto. Ma quest'anno presenta un pezzo scritto da lui, una storia tragica dalle radici autobiografiche, pesante e coinvolgente. Pollice in su.

14 - Lodovica Comello - Il cielo non mi basta. Faccia da bambina, "voce strillosa", abiti colorati. Il brano? Niente di che. Passerà.

15 - Samuel - Vedrai. Lui è Subsonica. Rock elettronico torinese sul palco dell'Ariston. Il suo look mi fa ricordare a quello di Neffa. Bel pezzo e strepitosa performance.

16 - Michele Bravi - Il diario degli errori.
 Un'altra canzone da sentire alla radio. Stop.


Le mie previsioni...

Sul podio


Fabrizio Moro - Portami via.
Marco Masini - Spostato di un secondo.
Ermal Meta - Vietato morire
Fiorella Mannoia - Che sia benedetta

Ma mi sono anche piaciute:

Francesco Gabbani - Occidentali's Karma
Michele Zarrillo - Mani nelle Mani
Samuel - Vedrai
Bianca Atzei - Ora esisti solo tu.

Sono fuori competizione:

Al Bano Carrisi - Di Rose e di Spine.  Il più esperto è lui. La canzone ha delle sonorità di Sanremo. Forse del Festival di una volta. Inoltre, la sua voce non era al 100 %. Al Bano è sempre Al Bano ma questa volta, purtroppo, non è bastato.


Gigi D'Alessio - La prima stella. Il cantante napoletano propone un brano dedicato a sua madre, mancata quando lui aveva 18 anni. Pezzo impregnato del suo stile che però non entusiasma il pubblico.


Giusy Ferreri - Fa talmente male. Una canzone firmata da Roberto Casalino e la sua potenza vocale, un insieme vincente. Invece no. Anche se è stata ripescata dopo la prima eliminazione, non arriva in finale. Il brano nonostante suonerà in tutte le radio diventando un tormentone? Perché no.


Ron - L'ottava meraviglia. E' un esperto anche lui (ha vinto in 1996 con "Vorrei incontrarti fra cent'anni"). Un bel testo, adatto per la festa degli innamorati del prossimo 14 febbraio. Certi versi della canzone sono un po' scontati: la prima serata, senza conoscere il testo, azzeccavo le parole.  E' uscito le due volte in cui ci sono state le eliminazioni. Rientrare non gli è portato fortuna.


Nesli e Alice Paba - Do retta a te. Una canzone con un Nesli "strano". Cantato come a karaoke. Non mi è arrivato e a quanto pare nemmeno alla giuria e al pubblico di Sanremo.


Raige e Giulia Luzi - Togliamoci la voglia. Rap, pop. Ritmo. Nonostante tutte le partecipazioni che da ormai 10 anni ci provano al Festival, il rap ancora non si è affermato. Proprio per questo vengono lasciati fuori della gara nella prima eliminazione. Peccato.




Ogni ferita lascia il segno...

Il tuo silenzio parlava da sé.



E la canzone vincitrice della Categoria Nuove Proposte di Sanremo è "Ora mai", cantata da LELE. Il testo e la musica appartengono a Raffaele Esposito, Rory Di Benedetto e Rosario Canale.
Un brano "stile Amici", fresco, orecchiabile e pronto a conquistare il pubblico adolescente e giovanile.


Raffaele Esposito, in arte Lele, ha partecipato all'ultima edizione di Amici di Maria de Filippi. Lì ha conosciuto la sua fidanzata, Elodie, concorrente tra i Big.
Lele ha solo 18 anni ed è nato a Pollena Trocchia (provincia di Napoli).

Secondo nella categoria Nuove Proposte è Maldestro con il brano "Canzone per Federica", terzo posto per Francesco Guasti con il brano "Universo", quarto classificato Leonardo Lamacchia con il brano "Cio' che resta".

19 gennaio 2017

Ma questi giorni disumani, se sorridi e stringi i denti...

E tutto quello che importa è rifarlo ancora un'altra volta.



Vivere qui, vivere là... Non tutto è differente anche se certe cose non sono proprio uguali. 
Se parliamo del cinema e dei film stranieri, in Argentina fare un doppiaggio è considerato un sacrilegio. I film vanno guardati in lingua originale con sottotitoli. In Italia, invece, devono per forza essere doppiati. 
Con il doppiaggio si perdono un sacco di cose: oltre ai modi di dire, i nomi dei personaggi! Sentire Dart Fener, Ciubecca, Boh e Febe, al posto di Darth Vader, Chewbacca, Moe e Phoebe fa venire mal di stomaco. E poi, chi ci spiega perché ci sono tante parole inglesi, francesi, spagnole adoperate in Italia. Cioè, aggiungere a queste parole un paio di nomi di film e serie era molta fatica? Comunque, ci si abitua. 
Sebbene, ed è il mio parere, guardare i film con sottotitoli sin da piccoli, allena la mente, permette ragionare più velocemente. Scegliere la strada facile non è sempre quella giusta. E poi aiuta. Chi? Be', in certo modo aiuta gli adolescenti che non hanno voglia di leggere. Se vogliono guardare un film straniero, oltre a farlo in lingua originale (e magari cercare di capire quello che hanno imparato a scuola), dovranno leggere i sottotitoli per non restare in dietro con la trama.  Tranquilli, ci si abitua.


 "Differente" è il terzo singolo estratto dall'album "Unici" di Nek. Il testo è stato scritto da Giulia Anania e la musica è di Nek, Luca Chiaravalli e Davide Simonetta. La regia del video - girato a Los Angeles tra Downtown e l'Angel's Point a Elysian Park - è di Gaetano Morbioli.



30 agosto 2016

Ma io sono con te ogni giorno...

Perché di te ho bisogno.



E un pomeriggio di fine agosto "posto" di nuovo qualcosa sul blog. Per caso clicco sul "L'estate sta finendo" dei Righeira e da lì partono mille canzoni "vecchie" tra cui questa cantata da Mina e Celentano. 
Anche se sono in Italia, ultimamente non sto ascoltando tanta musica italiana. Non chiedetemi perché ma sempre succede lo stesso. In Argentina mi guardavano come fossi a una estranea quando mettevo dei brani in una lingua che non era né lo spagnolo né l'inglese, ora che "non avrei questo tipo di problemi (?)", non lo faccio.
Comunque, come mai mi è venuto in mente di pubblicare dopo tanto tempo? Sarà il venticello fresco che mi fa capire che l'estate va via, saranno gli accordi di questo pezzo, sarà il testo che dopo averla sentita tre volte è già impresso nella mia mente che non smette di canticchiarla... Boh!  Mi sa che è la voglia di tornare a scrivere qui!


"Acqua e Sale" è stato l'unico inedito incluso nell'album "Mina Celentano" del 1998. "Insieme ad "Attila" è stato il disco più venduto di Mina, raggiungendo in breve tempo un milione di copie". Contiene 10 brani, il cui tema centrale è l'amore. 
Il CD ha un fumetto fatto da Gianni Ronco, in cui Mina e Adriano prendono le sembianze di due paperi.




Wikipedia

19 aprile 2016

Coi miei bagagli ho radunato paure e desideri...

Comunque andare perché ferma non so stare

Cercare sempre nuove sfide perché la vita è imparare, scoprire, immaginare, creare, provare, fallire, sorprendersi, buttarsi, sbagliare, piangere, ricominciare, lasciare, trovare... e comunque andare!



"Comunque andare" è il singolo di Alessandra Amoroso che è in radio da fine febbraio.
Il brano, incluso nel suo ultimo album "Vivere a colori", è stato scritto insieme a Elisa.

Il video - diretto da Antonio Usbergo e Niccolò Celaia - è stato girato lungo i tornanti della strada della Forra nel comune di Tremolino e sulla strada statale Gardesana Occidentale che costeggia il lago di Garda, in provincia di Brescia.