Il Paese di Monica

30 maggio 2012

Quello che si prova non si può spiegare qui...


Quando ormai si vola non si può cadere più...




Nonna mi mancherai tantissimo... 
Quando ero appena una bimba, tu sei stata la mia prima prof di italiano e mi hai anche insegnato  un po' il calabrese. Facevi apparire dei dolcetti per i tuoi 4 nipoti con la tua bacchetta magica... Passavamo delle serate a giocare a briscola e a registrare dei programmi di radio! 
Giocavamo a "ognuno il suo mestiere", "gallinella...", "paleta, paleta...", ci hai insegnato a lavorare a maglia, ci hai fatto delle sciarpe, poi cucinavi gli "scalille, i "turdilli", i "Pittulilli", i "Cuccurilli"... 
Tante sere condivise a guardare la TV, tante sere a pregare il rosario... guardare "Aquellos años maravillosos", Beverly Hills 90210, Susana... 
Ascoltarti parlare di Rose, della tua infanzia, del negozio, della piazza, delle zie, d'Italia...


Potrei continuare con questo elenco, mi vengono tanti ricordi... 


Mi mancherai Nonna! Ma ora sei in cielo accanto a papà, nonno Antonio, zio Tony e nonno Carlo.


Mi raccomando tu da lassù guidaci sempre.


TVB!!!